Vieni con noi a Roma il 26 novembre!

pullman2

Ri-Make organizza i pullman per scendere da Milano a Roma per la manifestazione nazionale NON UNA DI MENO del 26/11/2016, per lottare insieme contro tutte le forme di violenza sulle donne.

⇨ Partenza: Venerdì 25 Novembre, ore 23, da Ri-Make
(arrivo a Roma la mattina del 26)

⇦ Rientro: Domenica 27 Novembre, ore 7.00 a Ri-Make (partenza da Roma la sera del 26)

Per info e prenotazioni contattateci al:
338 1043941 (Saura)
oppure
338 8365190 (Mauro)

Saremo in migliaia! NON UNA DI MENO !

Non una di meno. Assemblea nazionale 8 ottobre a Roma

non-una-di-meno-articolo

di #NonUnaDiMeno

Sabato l’assemblea anche in diretta streaming su communianet.org

8 ottobre, ore 10.30-17.00
Facoltà di Psicologia, Università La Sapienza
Via dei Marsi, 78 (San Lorenzo, Roma)
____________
La violenza maschile sulle donne, formalmente condannata, è continuamente perpetuata. La cultura patriarcale continua ad affermarsi con forza, ribadendo un livello di disparità fra donne e uomini che è la radice profonda del femminicidio.

È il momento di essere unite e ambiziose, di mettere insieme le nostre intelligenze e competenze. Ogni giorno facciamo i conti con violenze e abusi in casa, in strada, nei posti di lavoro. La violenza è sempre una questione di rapporti di forza, sta a noi ribaltarli a partire dalla nostra unione e condivisione.

Per questo l’8 ottobre siete tutte invitate a Roma a prender parte alla prima assemblea nazionale di un percorso che vogliamo sia ampio e partecipato, capace di produrre proposte e risultati concreti.

La manifestazione nazionale del 26 novembre, in tal senso, dovrà essere solo il punto di inizio di un processo più grande che deve vederci tutte insieme a riaffermare l’autodeterminazione delle donne su lavoro, salute, affettività, diritti, spazi sociali e politici.

Alla violenza domestica, agli stupri e alle uccisioni non corrisponde un’effettiva presa di coscienza della politica e della società nel suo complesso: i media non fanno che promuovere una rappresentazione stereotipata, spettacolare, morbosa e vittimistica (quando non colpevolizzante) delle donne; la formazione nelle scuole e nelle università sulle tematiche di genere è fortemente ostacolata; nei commissariati e nelle aule dei tribunali rischiamo ancora di non essere credute; la burocrazia e i tempi d’attesa ci fanno pentire di avere denunciato; i centri anti-violenza vengono chiusi o scarsamente finanziati, nonostante i soldi stanziati a livello nazionale e regionale; i percorsi di fuoriuscita dalla violenza non sono sostenuti adeguatamente da forme di accesso al welfare per le donne. E mentre accade tutto questo, Governo e istituzioni non sembrano voler dare risposte credibili; la violenza maschile viene affrontata in modo casuale ed episodico, spesso secondo i criteri dell’emergenza, laddove si tratta di un fenomeno strutturale che, come tale, richiederebbe politiche adeguate, coordinate e costanti verifiche della loro efficacia.

Per costruire insieme percorsi di lotta e di libertà, siete tutte invitate!

#NonUnaDiMeno
____________

Rete IoDecido

D.i.Re – Donne in Rete contro la violenza

UDI – Unione Donne in Italia

Vai all’evento facebook

Scrivici per info e adesioni

articolo tratto dal sito communianet.org

Amatriciana solidale (e arrabbiata)!

14141693_1662176180702478_7018154566051180296_n

Il 4 settembre riprendiamo le consuete aperture domenicali con una grande:
AMATRICIANA SOLIDALE (E ARRABBIATA)!
Il ricavato andrà totalmente devoluto alle Brigate di Solidarietà Attiva – Terremoto Centro Italia che lo gestiranno direttamente sul luogo.

Dalle 13.00 si mangia:
Amatriciana (o arrabbiata per i vegetariani/vegani – disponibile su prenotazione anche amatriciana/arrabbiata con pasta senza glutine);
seguiranno dettagli per un secondo piatto previsto (ma non ancora deciso).

Il tutto per 4 euro (minimo) di sottoscrizione.

Vi aspettiamo numerosi!

Ri-Make è all’ex-BNL di via Astesani 47 (M3 Affori FN)
autobus 40, 41, 52, 70 – Passante S2 S4

Se questa è accoglienza

tende bresso

Le dichiarazioni di Beppe Sala delle ultime 24 ore: “Emergenza profughi: non escludiamo la soluzione tende”, poi “Tutto falso, nessuna tendopoli”, ma anche “Aggiungeremo solo alcune tende”, “Non ci sono altri spazi disponibili”, e ancora “Allestiremo una tendopoli nella Caserma Montello. Forse”. E poi, il tormentone dell’estate: “Allestiremo l’area Expo, non sappiamo quando, ma non ci sono alternative”. Insomma: “La situazione è completamente sotto controllo”, ma anche: “Siamo in una situazione di emergenza”.

La rilasciamo anche noi una dichiarazione: “Se questa è accoglienza, provate a chiederlo a chi la vive sulla propria pelle”.

Da un anno stiamo monitorando la situazione del Centro della Croce Rossa di Bresso di Via Clerici 13 (vedi), teoricamente deputato allo “smistamento” ma dove da mesi e mesi vengono tenuti circa 600 rifugiati, un numero pari al doppio della portata massima di quel centro. Una tendopoli, per altro, in cui lo spazio di vita di ciascuna persona è limitato alla propria brandina, dove il freddo gela le ossa di inverno e il caldo rende l’aria irrespirabile d’estate. Il cibo è di pessima qualità e non ce n’è abbastanza per tutti, le condizioni igienico-sanitarie sono pessime e chi ha osato fare obiezione ha subìto minacce dagli operatori del centro. Attorno e dentro al campo, per altro, regna l’isolamento e la marginalizzazione: collocati nel mezzo del Parco Nord, i ragazzi, da dentro quel posto, non hanno idea di come sia fatta la città, di quali servizi esistano, come poter imparare l’italiano, come poter raggiungere i luoghi di socialità. I pochi soldi che hanno in tasca ogni giorno sono l’unico modo, per chi non ha vestiti, per avere qualcosa di adeguato con cui coprirsi. Sì, perché, per legge, chi inoltra la richiesta di asilo non ha il diritto o la possibilità reale di lavorare, fino a che non avrà ricevuto il responso. Qualcuno (un’esigua minoranza) di loro ha ottenuto lo status di rifugiato: la serenità è durata il tempo di ricevere la notizia, perchè avere diritto a restare in Italia, significa perdere il diritto ad avere un posto in cui dormire, e la strada per molti è l’unico rifugio.

Questa è la condizione delle centinaia di persone di cui astrattamente parlano i giornali e le amministrazioni. Noi ne abbiamo avuto testimonianza diretta – video-fotografica e orale – dagli stessi ragazzi che in quelle condizioni vivono e attendono.
Così, da circa 5 mesi abbiamo inoltrato alla prefettura la richiesta di poter accedere al Centro, attraverso il progetto LasciateCIEntrare, l’associazione NAGA Onlus e la rete People Before Borders, per poter monitorare un servizio teoricamente pubblico, ma che nella pratica è gestito “privatamente”, tra forze dell’ordine, amministrazioni locali, Governo e Croce Rossa, da dietro barriere di filo spinato invalicabili. Come se la cosa non dovesse riguardarci. Tant’è che il giorno in cui eravamo pronti ad entrare, le porte ci sono state chiuse di nuovo in faccia fino a data da stabilire.

In questa assurda attesa, nostra, ma soprattutto delle persone “parcheggiate” nei centri, le dichiarazioni di Sala sulla gestione dell’accoglienza aggravano la situazione. Da una parte, cercano di nascondere una situazione al di sotto della soglia della dignità, che costa cara alla salute fisica e mentale di chi la vive, e dall’altra cercano di affermare che questo inaccettabile “modello” sia l’unico possibile.
Non ci sono spazi disponibili?! Milano è invasa da un patrimonio sfitto e abbandonato, sia pubblico che privato, e non ci sarebbero alternative alle tendopoli?
Le alternative ci sono eccome, è la volontà politica che manca.

O meglio, è un’altra volontà che si mette in atto, quella di un progetto politico ben preciso, targato Unione Europea, che ragiona sull’accoglienza con la logica di fare business, propaganda, e di non “turbare” la vista dei cittadini bianchi e ricchi, “che hanno diritto – loro sì – a vivere tranquilli”.

“Se questa è accoglienza”… NO, questa non è accoglienza.
E’ segregazione, è gestione autoritaria, è un’ipocrita scelta dal “volto umano” di “non respingere”, che mette in pratica un’implicita gerarchia sulla base del colore della pelle. E’ terreno di coltura per un clima xenofobo e di guerra tra poveri.

In tutto questo, la falsità più grande riguarda noi: non è vero che possiamo solo restare a guardare o commentare sui social network, non è vero che possiamo scegliere soltanto tra la compassione o la caccia all’uomo nero.
Esiste un’altra strada, che può cambiare radicalmente la situazione: quella del sostegno materiale e della solidarietà attiva
, non soltanto alle “prime necessità”, ma anche alle proteste degli stessi rifugiati nei confronti di queste situazioni, persone che non sono affatto vittime degli eventi come si vuol far passare, nè si fanno spedire da una parte all’altra come pacchi.

Se anche voi come noi siete rimasti disgustati da ciò che è successo e succede a Ventimiglia in questi giorni, è tempo di dirci apertamente che anche Milano è piena di scogli e di violenza,
e che restare umani significa assumersi un ruolo in tutto questo, a partire dai nostri quartieri, dalle associazioni che lavorano sul territorio alle scuole di italiano per stranieri, dagli sportelli di assistenza legale alle raccolte di cibo e vestiti, dai pranzi solidali alle campagne per riuscire a entrare nei centri, dalle manifestazioni di protesta dentro ai campi a quelle nei confronti delle istituzioni, responsabili di tutto ciò.

E se provassimo a decidere noi come può cambiare questa situazione?

Ri-Make